montecagnoletto.itsito ufficiale del Comitato Civico MontecagnolettoCasella di testo: Newsletter 16 maggio 2015
Home

Sito progettato e realizzato a titolo gratuito da Antonino Fabbri per il Comitato Civico

torna all'elenco
Casella di testo: E ci siamo decisamente riusciti. Sono state pulite via Montecagnoletto, via Montecagnoletto II, via Boccioni, via Carrà, via Segantini, via Morandi, via Sassu, via Ligabue, via Montecagnoletto 23 e la grande discarica a cielo aperto dell’Appia Antica, oltre alla cunetta di via Appia Vecchia e la discarica di via Montecagnoletto 29; ed il risultato si vede eccome, penso che non si potesse fare di meglio. Grazie a tutti di cuore per aver contribuito alla riuscita dell’evento, anche pulendo il proprio fronte stradale. Ora però i prossimi obiettivi sono ineludibili: per noi residenti, evitare di sporcare nuovamente, ricordandosi sempre che le nostre strade sono lo specchio di chi siamo noi; per l’Amministrazione, avviare finalmente il servizio periodico di pulizia: quotidiano, settimanale, mensile purchè sia, perché il volontariato può dare una seria mano laddove non si arriva, ma non potrà mai sostituirsi ai doveri che l’Amministrazione ha nei confronti dei cittadini che rappresenta. Sono sicuro che il giro virtuoso è avviato, e la nostra iniziativa ha dato il “la” ad un nuovo modo di agire: sabato 23 maggio la serie “Raccogli con me”, inaugurata con l’evento organizzato dal Comitato Civico Montecagnoletto, continua a Parco Sforza, con la pulizia del sentiero che scende al lago, e tutti i cittadini sono invitati a partecipare. Ma non tutte le ciambelle hanno il buco, e così succede che qualcuno continua a depositare pattume indifferenziato all’angolo tra via Montecagnoletto e via Vespignani. Tale irrispettoso atto di enorme inciviltà merita di essere punito in maniera esemplare, e così ci stiamo impegnando quotidianamente nel tentativo di risalire al barbaro responsabile. Fino ad ora sappiamo che beve moltissima birra, fuma Marlboro rosse, c’e’ una donna in età fertile in casa, come c’e’ anche un diabetico grave… abbiamo anche trovato un paio di scarpe numero 40 sporche di calce. Ero molto bravo a giocare a “Identichì’”, ma non disdegno i vostri suggerimenti: chiunque veda o sappia qualcosa ci avverta, perché tale situazione non può e non deve continuare.  Per chiudere l’argomento spazzatura, vi ricordo di apporre sui vostri secchi di conferimento nome ed indirizzo per evitarne il furto, non tanto per il valore del bene, ma per evitarvi la fila per fare la denuncia, necessaria per avere la sostituzione del secchio.

Dalla discarica dell’Appia Antica allo scarico di responsabilità dell’Appia Nuova: dopo essere passati alle minacce, a quattro mesi di distanza finalmente Anas ha risposto al nostro ennesimo sollecito riguardo la realizzazione del passaggio pedonale di fronte alla fermata del Cotral. Indovinate? La palla è in mano ai tecnici del Comune, che devono presentare un progetto esecutivo sulla base delle prescrizioni dell’Anas. Non c’e’ problema, noi ci voltiamo dall’altra parte e continuiamo. Sia chiaro, però, che sia mai succeda qualcosa di grave, lì come anche all’entrata dell’Appia Vecchia, il Comitato è pronto a costituirsi parte civile contro chi per anni ha lasciato inascoltate le nostre grida di allarme.

A fine giugno chiudiamo la campagna associativa 2015, ma nonostante una forte adesione mancano ancora all’appello una ventina di adesioni rispetto alla campagna 2014. E’ necessario per noi, probabilmente, capire le motivazioni che portano alcuni convinti sostenitori a non riassociarsi. Ma è ancora più strano che proprio dalle zone che sinora hanno ottenuto di più grazie al nostro impegno quotidiano, vedi via Vespignani e via Montecagnoletto 23 con il rifacimento della strada, sia arrivato un numero molto, molto esiguo di associazioni. Di per sé non è un problema, perché abbiamo sempre dimostrato di non guardare né alla tessera dei partiti, né tantomeno alla tessera associativa, ma sarebbe corretto nei riguardi degli altri continuare a dare la giusta rappresentatività a questo pugno di volontari che sta dimostrando di saper cambiare le cose, a vantaggio di tutti, associati e non. Tra l’altro mi è giunta all’orecchio la voce della convinzione serpeggiante che noi saremmo quelli che cercano sempre soldi… Orrore!! Noi non abbiamo mai chiesto a nessuno un centesimo in più dei dieci euro annuali, soldi che abbiamo interamente reinvestito in zona, anzi in parte perché ci sono sempre avanzati. E in cambio abbiamo offerto servizi e convenzioni capaci di restituire dieci volte tanto all’associato, vedi le convenzioni attive con Tua Assicurazioni per le polizze auto e con Sky per la stipula di nuovi abbonamenti o integrazioni. Ma con quegli ottanta centesimi al mese siamo riusciti a fornire servizi a tutti, perché uno specchio stradale, una buca in meno, un parco pubblico o anche un rubinetto sgorgante o un prato senza calcinacci sono beni di cui tutti godono, e lo spirito di solidarietà, di collettività e di comunità dovrebbero indurre a ben altri tipi di ragionamenti. Per concludere, se qualcuno chiede soldi a nome del Comitato, diffidate perché non siamo noi. Ma se dieci euro l’anno vi sembrano troppi per contribuire a cambiare visione e qualità della vita…. ok, va bene anche così. Noi abbiamo dimostrato che è possibile.

Giuseppe, il nostro amico colpito dal gravissimo infortunio di sabato 9, sta un pochino meglio. Siamo sicuri di interpretare i sentimenti di tutti voi nel gridargli insieme un enorme IN BOCCA AL LUPOOOOOO! Ti aspettiamo.

Cordialissimi saluti a tutti, associati e non…
Antonino Fabbri      

Casella di testo: Io penso che ciascun bimbo debba essere portato, almeno una volta, a partecipare ad una iniziativa di bonifica di una discarica abusiva. Solo così, affondando i guanti direttamente ammollo  nel peggiore obrobrio, può nascere una vera cultura ambientalista votata al rispetto. Io l’ho fatto con mio figlio, e c’erano altri cinque bambini sabato scorso alla giornata ecologica. Ma c’erano anche tante persone che, sacrificando tempo, fatica e soldi, hanno dato una mano a cambiare il volto di Montecagnoletto. 
BachecaNotizieAltri serviziIl territorioContattiAssociarsi