montecagnoletto.itsito ufficiale del Comitato Civico MontecagnolettoCasella di testo: Newsletter 2 agosto 2014
Home

Sito progettato e realizzato a titolo gratuito da Antonino Fabbri per il Comitato Civico

Casella di testo: dondolare sarà pure un’utopia, ma se non inseguiamo le utopie siamo tutti morti e sepolti. Cresciamo, così come crescono anche il Comitato Centro Storico ed il Comitato Landi. Un segnale importante da tre realtà che iniziano a fare la differenza sul territorio; poi, quando lassù a via Belardi si capirà appieno il potenziale che possiamo esprimere nel rappresentare un utile strumento di amministrazione e gestione, vivremo una svolta epocale per l’intera società genzanese e l’utopia diventerà realtà.
Ma è proprio un’utopia quel filo di ragnatela che ci ha spinti a prendere in gestione il parco di via Segantini? Non so, ma sicuramente si sta rivelando un’esperienza entusiasmante. Tenerlo pulito comporta dedizione, è vero, ma stamattina eravamo una grande squadra. Il parco è stato risistemato grazie alla collaborazione di un folto gruppo di persone, e ogni volta che al cancello faceva capolino un nuovo tagliaerba, un sega a  motore o semplicemente un paio di tronchesi, credetemi, era un’emozione impagabile per tutti. Un ringraziamento speciale a Paolo e Pietro. Il germe del contagio è piantato, ed il parco è di nuovo vostro ed utilizzabile. E diventerà sempre più il centro di aggregazione della nostra Comunità, ve lo promettiamo. Per adesso godetevi la panchina sotto il tiglio, a presto per la concretizzazione delle prime idee.
Hanno invece fatto molto più di noi i nostri cugini e amici del Comitato Centro Storico. Dopo due anni di tentativi, hanno finalmente ottenuto che l’accesso al Parco Sforza Cesarini fosse reso gratuito per i residenti. Pertanto, già a partire da domani, ogni prima e quarta domenica del mese potremo tutti godere gratuitamente di cotanto panorama e verde. Complimenti! Per poter ottenere il risultato, il Comitato Centro Storico si è preso carico addirittura di un servizio costante di sorveglianza durante l’orario apertura. Intanto la loro piccola utopia è diventata realtà. Grazie, amici!
E le nostre utopie di tutti i giorni? Non vanno certo dimenticate: va bene l’esperienza del parco, ma in cima ai nostri pensieri ci sono sempre i problemi quotidiani. Non toccherei per scaramanzia l’argomento acqua, la stagione ormai l’abbiamo svoltata al meglio grazie ai capricci metereologici e ad un pozzo sicuramente un po’ più efficiente, e non mi aspetto più grosse sorprese per un altro anno. Anche la bonifica della rete in via Ligabue sembra per adesso aver sortito l’effetto sperato, siamo invece all’attacco sul problema del torrentello che ormai da diciotto mesi imperversa poco più su, davanti Largo Guttuso. Nessuno ne rivendica la paternità, sembra quasi un ruscello fantasma. Ora basta, però. La strada è ormai a pezzi e sappiamo bene che fatica ci vuole anche per chiudere una buca. Oggi è stato presentato un esposto alla Polizia Locale e contemporaneamente è stato fatto un sopralluogo congiunto. Non abbiamo intenzione di attendere oltre.
Sono stati presentati anche altri due esposti. Il primo riguarda il pericolo per la viabilità costituito dai due contenitori per la raccolta degli abiti usati posti su carreggiata; il secondo per il pericolo ancora più grave del cartellone per le affissioni posto proprio sull’incrocio tra via Montecagnoletto e via Morandi. Tutti temi segnalati per anni... ma perché bisogna arrivare agli esposti?
Non dimentichiamo, poi, i grandi temi che caldeggiamo per l’anno che viene: in primis la gara Italgas, una diffusa sistemazione dei tratti stradali più malandati, il semaforino a prevalenza su via Boccioni. Ce la facciamo? Ho  chiesto un incontro di allineamento al Sindaco Gabbarini, sempre nella speranza che voglia vederci strumento nelle sue mani. Vi saprò dire.
Non poteva mancare il monito finale. Sta crescendo la brutta abitudine di dare fuoco a sterpaglie e potature. Devo ricordare che i verdi sono considerati rifiuti speciali, pertanto provocare la loro combustione significa commettere un reato penale. Oltre che dare molto fastidio ai vicini. Ambiente ritira gratuitamente i sacchi delle potature, perché rischiare?
Buone vacanze a chi nel mese di agosto avrà la fortuna di poter passare qualche giorno in serenità con la famiglia. Alla prossima!
Antonino Fabbri
Casella di testo: “Un elefante si dondolava sopra un filo di ragnatela, e reputando la cosa interessante andò a chiamare un altro elefante”. Questa innocente cantilena infantile risuonava in continuazione nella mia testa giovedì scorso, durante la riunione di direzione del Comitato: non era mai successo di avere sedute davanti a me ben otto persone che avevano tralasciato i propri impegni ed interessi per dedicare un po’ del loro tempo agli interessi della nostra Comunità. Stiamo crescendo e inseguiamo   la   nostra  pazzia,   perché  quel   filo  di   ragnatela  su  cui
torna all'elenco
BachecaNotizieAltri serviziIl territorioContattiAssociarsi