montecagnoletto.itsito ufficiale del Comitato Civico MontecagnolettoCasella di testo: Newsletter 2 novembre 2013
Home

Sito progettato e realizzato a titolo gratuito da Antonino Fabbri per il Comitato Civico

Casella di testo: Buonasera a tutti,

desidero spendere questa newsletter per chiarire qual è la reale situazione in tema di rete di distribuzione del gas metano.
La straordinaria raccolta firme avvenuta in aprile, grazie alla quale ben 207 delle 480 unità abitative avevano manifestato con forza l’esigenza dell’allaccio in rete, aveva subito una battuta d’arresto a causa della stagnazione della gara per la nuova assegnazione della rete. Recentemente una nostra associata ci ha fornito indicazioni precise sulle regolamentazioni in materia, e lo studio del materiale ci ha permesso di riprendere il tema e verificare meglio l’esatta situazione. Ne è scaturito un incontro con l’assessore ai Lavori Pubblici Ercolani, che ci ha ascoltati con molto interesse e ci ha permesso di aggiungere qualche tassello per mantenere in caldo il tema.  
Effettivamente siamo in fase di chiusura del periodo di gestione di Italgas, e da qui al 2015 i Comuni appartenenti al bacino di pertinenza hanno l’obbligo di consorziarsi per indire il nuovo bando di gara. Il bacino è molto vasto e conta 17 Comuni, per un territorio che va dal litorale sud con Anzio e Nettuno, fino all’entroterra con Rocca Priora e Montecompatri. Un Comune dovrà fare da capofila, ovvero prendersi l’onere di organizzare gli altri Comuni, indire e portare a termine la gara. Gli altri Comuni dovranno prevedere delibere di Consiglio finalizzate a delegare il Comune capofila; l’Ufficio Tecnico competente dovrà, al contempo, approntare dei piani industriali di estensione della rete. Il Gestore che vincerà la gara sarà così tenuto a prendersi carico delle estensioni richieste; viceversa, senza piano industriale, non sussiterà alcun obbligo ad investire per estendere la rete di distribuzione del gas fino a nuova gara, ovvero almeno fino al 2025.
L’assessore Ercolani, visionata la raccolta firme, ci ha confermato che presenterà il piano industriale per Montecagnoletto. Il problema, però, è che ancora l’organizzazione della gara è molto indietro: si è svolta una sola riunione tra i comuni del bacino e ancora non è stato nemmeno determinato chi sarà il capofila. A questo proposito ha espresso l’intenzione di proporre Genzano come capofila per cercare di accelerare sui tempi. E’ stato coinvolto nella riunione un architetto che si occupa del tema, ben informato sui temi da noi avanzati, e che si è preso l’onere di iniziare a contattare tutti gli altri Comuni per stringere un po’ le fila. Quindi, in conclusione: “tutto a posto e niente in ordine”, ma pare che ci sia qualcuno di buona volontà disposto a rassettare. I tempi saranno comunque lunghi.

Sono giorni agitati quelli che stanno trascorrendo all’interno del Movimento Città Futura e della sezione genzanese del Partito Democratico. Non vogliamo entrare nel merito di ciò che sta succedendo e perché stia succedendo, sono in corso sicuramente degli importanti assestamenti politici delle diverse correnti; siamo particolarmente contenti, in questo contesto in evoluzione, di ribadire la nostra totale indipendenza ed estraneità da fatti che potrebbero potenzialmente stravolgere gli equilibri. Il Direttivo del Comitato Montecagnoletto, per precisa scelta politica, è fuori dai giochi di partito e, qualsiasi sarà la naturale evoluzione di ciò che sta accadendo, continuerà a perseguire gli obiettivi del proprio progetto civico, con il medesimo spirito di collaborazione, perpetuando un’esperienza che sta rivoluzionando il modo di fare gestione del territorio.
Ci sentiamo, però, di inviare un monito ai nostri amministratori: ricordatevi che avete il dovere di garantire che le beghe politiche, con gli inevitabili dissidi interni che ne scaturiscono, MAI distolgano l’attenzione dai temi di interesse comune e di buona amministrazione! 

Dobbiamo segnalare, poi, le ultime intrusioni avvenute da parte di malintenzionati in un paio di abitazioni a Largo Guttuso negli ultimi due-tre giorni. Lungi da noi l’intenzione di creare una psicosi collettiva, sono fatti che purtroppo accadono e con i quali occorre convivere. Vanno però citati perché, se continuiamo a mantenere tutti alta l’attenzione e a segnalarci a vicenda episodi anomali, i danni potranno essere molto limitati.    

Chiudiamo contenti di poter registrare un ulteriore passaggio pre-invernale di pulizia dei cigli stradali e delle zone verdi da parte della ditta incaricata su tutto il territorio del Comparto. Buono, ovviamente per la rinnovata pulizia, ma anche perché è il segno che le azioni che vengono intraprese non sono più conseguenza delle insistenti richieste di un comitato di cittadini, ma sono finalmente frutto di una sistematica progettazione degli interventi.

Buona domenica,
Antonino Fabbri
 
torna all'elenco
BachecaNotizieAltri serviziIl territorioContattiAssociarsi